Domanda raggruppata: nuova comunicazione dell’AFC

L’Amministrazione Federale delle Contribuzioni (AFC) ha pubblicato oggi una seconda richiesta raggruppata giunta dall’Italia con riferimento a relazioni bancarie esistenti presso la ex BSI SA (in seguito, EFG SA) alla data del 23 febbraio 2015 e fino al 31.12.2016. Il termine per nominare un rappresentante legale è fissato al 30 Dicembre 2019.

Sono richieste informazioni su persone fisiche i cui nomi sono sconosciuti e che, nel periodo dal 23 febbraio 2015 al 31 dicembre 2016, soddisfacevano tutti i criteri seguenti:

  1. la persona interessata era titolare di uno o più conti presso BSI SA, o in seguito presso EFG AG;
  2. il titolare del/i conto/i era domiciliato in Italia (secondo la documentazione bancaria);
  3. il titolare del/i conto/i è stata inviata una lettera nella quale BSI SA annunciava la restrizione dei servizi bancari, se il titolare del conto non avesse fornito alla banca la prova della sua conformità fiscale riguardante il conto/i;
  4. Il titolare del/i conto/i non ha fornito a BSI SA, rispettivamente a EFG AG né prima né dopo l’invio di questa lettera, prove sufficienti a dimostrare la sua conformità fiscale riguardante il/i conto/i.

Sono invece esclusi dalla trasmissione i conti:

  • che sono stati divulgati nel quadro dell’Accordo sulla fiscalità del risparmio tra la Svizzera e l’Unione europea;

oppure

  • che sono stati divulgati nel quadro dello scambio automatico di informazioni tra la Svizzera e l’Italia;

oppure

  • per i quali è stata fornita a BSI SA, rispettivamente a EFG AG un’autorizzazione relativa al/i conto/i specifico/i nell’ambito del programma di collaborazione volontaria (c.d. Voluntary Disclosure Program);

oppure

  • per i quali l’ammontare complessivo è stato regolarizzato nell’ambito di uno scudo fiscale italiano

oppure

  • per i quali il titolare ha fornito all’Amministrazione federale delle contribuzioni svizzera la prova che i valori patrimoniali presenti sul/i con-to/i alla fine dell’ultimo anno fiscale sono stati inclusi nella dichiarazione dei redditi correttamente depositata presso l’amministrazione fiscale italiana, in particolare con il modello RW;

oppure

  • per i quali le informazioni domandate sono già state trasmesse all’autorità competente italiana nell’ambito di una procedura di assistenza amministrativa precedente.

 

Qualora il titolare del conto non si sia regolarizzato con il fisco italiano, e fosse dunque interessato dalla domanda amministrativa, l’AFC indica come termine per notificare l’indirizzo attuale se domiciliate in Svizzera o l’indirizzo di un rappresentante legale in Svizzera entro il 30 Dicembre 2019.

Il termine, fissato a 20 giorni dalla data di pubblicazione sul Foglio Federale, è irrevocabile. Come esplicitato nella sua comunicazione, la facoltà prevista di indicare all’AFC un indirizzo estero, nella misura in cui è consentito notificare gli atti per posta nel Paese interessato, non si applica nel caso di specie.

Le persone interessate/legittimate a ricorrere possono prendere parte alla procedura semplificata di cui all’articolo 16 LAAF e acconsentire alla trasmissione delle informazioni all’autorità richiedente informando per scritto l’AFC. Tale consenso è irrevocabile.

Questa è la seconda comunicazione in pochi mesi da parte dell’AFC. Risale ad Agosto, infatti, l’ultima richiesta raggruppata da parte dell’Amministrazione Federale delle Contribuzioni: il 6 Agosto l’AFC aveva comunicato di aver ricevuto una richiesta raggruppata dall’Agenzia delle Entrate italiana in merito a conti detenuti da cittadini residenti in Italia presso UBS Switzerland AG, eventualmente non oggetto della Voluntary Disclosure Program, e detenuti nel periodo 23 Febbraio 2015 fino al 31 Dicembre 2016. 

Fidinam & Partners, attraverso i suoi esperti, è in grado di seguirvi nel processo di regolarizzazione della vostra posizione con discrezione, fornendovi adeguata consulenza fiscale: i nostri esperti sono pronti ad assistervi impugnando la decisione dell’AFC oppure, attraverso i nostri professionisti di Fidinam Italia, possiamo aiutarvi nel regolarizzare le posizioni in questione.

 

 

Ricevi gli aggiornamenti via e-mail