<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=2213921&amp;fmt=gif">

Messico: importanti novità fiscali nel 2022

Pubblicazioni Fidinam & Partners
In data 8 settembre 2021 l’Esecutivo Federale ha consegnato il “Paquete Económico y Reformas Fiscales 2022”alle Camere dei Deputati, in caso di approvazione dal Congresso Messicano, le nuove riforme saranno applicate dal 1.gennaio 2022.

In un’analisi generale il citato pacchetto eco-nomico non rileva nuove imposte o aumentidi quelle esistenti ma si concentra su adegua-menti alle normative vigenti. Di seguito un breve riassunto delle più rile-vanti e possibili nuove iniziative.

Finanziamenti infragruppo

La proposta amplierebbe la definizione di prestiti back-to-back in modo da inserire qualsiasi debito tra parti correlate privo di scopo commerciale. Pertanto, i pagamenti di interessi su qualsiasi prestito o operazione tra parti correlate potrebbero venir riqualificati come dividendi, se l’operazione di finanziamento è priva di scopo commerciale. La legislazione messicana, tuttavia, non definisce il termine scopo commerciale.

Norme di sottocapitalizzazione

Ad oggi in Messico è in vigore una limitazione di tre a uno sul rapporto tra indebitamento e patrimonio netto per determinare l’ammontare di interessi deducibili dalle parti correlate pagati ai non residenti. È data opzione ai contribuenti di scegliere l’utilizzo del patrimonio contabile o patrimonio fiscale per calcolare questo limite. La proposta vorrebbe modificare le norme di sottocapitalizzazione così da rendere queste due opzioni più coerenti. Nello specifico si richiederebbe ai contribuenti di includere le perdite operative nette, oltre che al capitale versato ed ai guadagni precedentemente tassati, quando viene scelta l’opzione di patrimonio fiscale per il calcolo del limite di detrazione degli interessi. Nella misura in cui il patrimonio contabile ed il patrimonio fiscale differiscono del 20%, ai fini delle norme della sottocapitalizzazione, si consentirebbe ai contribuenti di utilizzare l’opzione del patrimonio fiscale solo in caso esista uno scopo commerciale per la differenza e siano soddisfatti altri requisiti.

Riorganizzazioni societarie, scissioni e fusioni

Attualmente le riorganizzazioni, fusioni e scissioni di società domiciliate in Messico sono trattate come esentasse nella misura in cui siano soddisfatti determinati requisiti. La proposta richiederebbe ai contribuenti messicani diavere un valido scopo commerciale affinché que-ste operazioni continuino ad essere trattatecome operazioni neutre a livello fiscale.Fusioni e scissioni potrebbero essere oggettodi ulteriori reporting e controllo da parte del-le autorità fiscali messicane se un’operazione ri-levantesi verifica entro un periodo di cinqueanni precedente e successivamente alla rior-ganizzazione.

Di seguito un elenco di alcune delle transazioni considerate operazioni rilevanti:
  • trasferimento della proprietà delle azioni, dell’uso o il godimento dei diritti di voto o di veto delle azioni dell’entità risultante dalla fusione o dalla scissione;
  • il valore del patrimonio netto di ciascuna delle parti sopravvissute alla riorganizzazione aumenta o diminuisce di oltre il 30% rispetto al valore determinato alla data della riorganizzazione;
  • la quota di partecipazione di un azionista nella società aumenta o diminuisce determinando un aumento o una diminuzione della quota di partecipazione di un altro azionista rispetto alla data della riorganizzazione;
  • uno degli azionisti coinvolti nella riorganizzazione cambia la sua residenza fiscale;
  • una delle parti coinvolte nella riorganizzazione vende un ramo di attività.

    La proposta richiederebbe che l’assegnazionedelle perdite operative nette derivanti da una scissione, siano trasferite solo tra soggetti che svolgono la stessa attività commerciale.

    Plusvalenze per i non-residenti

    La proposta modificherebbe alcune disposizioni relative all’autorizzazione a differire l’imposta sul reddito per le plusvalenze nelle riorganizzazioni societarie effettuate da non-residenti. In base alle disposizioni vigenti, gli azionisti non-residenti possono richiedere un ruling alle autorità approvando il trasferimento di azioni in un’entità messicana permettendo il pagamento differito dell’imposta sul reddito al momento che le azioni lasciano il gruppo. La nuova proposta consentirebbe alle autorità fiscali messicane di annullare l’autorizzazione al differimento qualora si concludesse che la riorganizzazione è priva di scopo commerciale o che il cambio delle azioni relative alla riorganizzazione ha comportato un reddito soggetto ad un regime fiscale agevolato. Una volta annullata l’autorizzazione di differimento si attiva automaticamente l’imposta sulle plusvalenze. Si richiede che sia l’entità messicana oggetto di cessione delle azioni a notificare alle autorità fiscali messicane il trasferimento delle sue azioni tra residenti stranieri. La mancata notifica potrebbe comportare la responsabilità solidale dell’entità messicana su qualsiasi imposta dovuta dai residenti stranieri.

    Residenza fiscale

    La proposta stabilirebbe che il contribuente verrà considerato residente ai fini fiscali in Messico se non dimostrerà un cambiamento di residenza in un’altra giurisdizione. Se la nuova residenza fiscale risulta essere in una giurisdizione con un regime fiscale preferenziale saranno considerati residenti in Messico ai fini fiscali per un periodo di cinque anni, a meno che il Messico non disponga di un accordo di scambio automatico di informazioni o di un trattato fiscale in vigore con tale giurisdizione.

    Common Reporting Standard/ForeignAccount Tax Compliance Act

    Si vorrebbero incorporare nella legislazione domestica del Messico gli accordi internazionali assunti dal Messico in merito allo scambio di informazioni, rafforzare la compliance e fornire strumenti adeguati agli istituti finanziari soggetti all’obbligo di reporting della titolarità effettiva all’autorità fiscali Messicane per società, trust, società di persone ed altre entità legali.

    Fidinam & Partners

    Questo articolo, a cura di Adela Muinz, è tratto dalla Newsletter Fidinam & Partners. Per consultare l'edizione integrale della Newsletter e per riceverla via e-mail, compilate il form qui di seguito.

 

Never miss our updates!